martedì 1 maggio 2012

Foresta nera minipie


Non conoscevo questa torta, o comunque ne avevo sempre sentito parlare ma non l'avevo mai mangiata ne tanto meno fatta...qualche mese fa ho partecipato ad un corso sulle torte decorate e la simpaticissima insegnante aveva portato per la merenda proprio questa torta, ma in versione extralarge...ovviamente, nonostante la panna, e nonostante fosse altissima la torta non era per nulla stucchevole..ed è stata proprio questa morbidezza e delicatezza che mi ha colpito, che mi ha fatto pensare a quanto l'apparenza un po' barocca della torta non corrispondesse esattamente  al suo sapore. Così ho provato a farla per il compleanno del mio fidanzato, l'ho rifatta per Pasqua, e ieri avevo intenzione di portarla   in dono al fratello di Manfredi e sua moglie per la nascita della piccola Sara...piena di buona volontà sabato mi metto al lavoro e faccio il pan di spagna e la base, così domenica mattina avrei semplicemente dovuto assemblare le parti e decorarla...la tabella di marcia è stata rispettata, ma Manfredi alla guida è stato un tantino brusco tanto che la torta ha fatto una brutta fine: "capriole di una torta dentro la sua scatola in volo dal sedile posteriore", l'unica sopravvissuta è stata questa mini pie che se n'è stata beata nel frigo di casa mia!!!!




Il maestro U-Tsu,assorto in meditazione,si vide interrotto da un suo discepolo avido di ascoltare i suoi insegnamenti. U-tsu non distolse lo sguardo dal discepolo, e quindi tracciò lentamente un cerchio per terra in cui disegnò l'ideogramma che significa "acqua". Rivolse allora uno sguardo interrogativo al discepolo per vedere se per caso avesse compreso il significato del suo gesto, ma il suo volto non rifletteva altro che un'assoluta incapacità di comprendere.
Alejandro Jodorowsky, il dito e la luna (racconti zen , haiku, koan)


Per la base frolla (da i dolci di maurizio santin)
500g farina 00
400 burro morbido
200 g zucchero a velo
4 tuorli
mescolare con un tarocco il burro, lo zucchero a velo i tuorli e l'uovo sino a rendere il tutto un impasto omogeneo a questo punto unire la restante farina. Avvolgere nella pellicola e lasciare riposare una notte in frigo. Il giorno successivo stendere la sfoglia della stessa dimensione dei dischi di pan di spagna con l'aiuto di un anello...infornare a 180°per 10/15 minuti.

Per il pan di spagna al cacao (da m.Santin):
180 g zucchero
120 g di farina 00
40 g di cacao amaro
7 albumi
7tuorli

Montare i tuorlii con 140 g di zucchero, sino a renderli spumosi e unire la farina e il cacao setacciati, montare a neve gli albumi con lo zucchero rimanente e unirli delicatamente ai tuorli...imburrare una tortiera e versarvi il composto, cucinare a 170° per 30 minuti circa, testare la cottura con uno stecchino. Fare freddare completamente prima di tagliarlo.
Assemblaggio:
marmellata di ciliegie
ciliegie candite
cioccolato in scaglie
1 L panna fresca
7 cucchiai di zucchero rasi
kirsch+ acqua

Quando il pan di spagna sarà freddo montare 1 l di panna  con 7 cucchiai rasi di zucchero. Posizionare la base di frolla sul vassoio, distribuire sopra la marmellata e poggiarvi sopra il primo strato di pan di spagna inumidendolo con la bagna al kirsch, coprire con la panna e continuare...ricoprire con la panna e decorare il tutto con le ciliegie candite e riccioli di panna e decorazioni con cioccolato fondente.
Ecco di sotto le altre torte fatte precedentemente...





con questa ricetta partecipo al contest “la poesia del cioccolato di   vera in cucina  in collaborazione con Rasenti home design




22 commenti:

  1. Panna e marmellata.. bontà assoluta.. e poi che belle quelle decorazioni, le hai fatte tu??

    RispondiElimina
  2. Bella questa versione della foresta nera! All'inizio della preparazione hai scritto montare gli albumi con 140 di zucchero... secondo me intendevi i tuorli!!! :)))
    Un abbraccio
    Tiziana

    RispondiElimina
  3. E' bellissima! E tu in cucina sei veramente un'artista!

    RispondiElimina
  4. meravigliosa interpretazione della foresta nera! complimenti davvero bella, e chissa' che buona!!!

    RispondiElimina
  5. Bellissima! La versione mini è elegantissima!

    RispondiElimina
  6. Sai che non l'ho mai provata nemmeno io?
    E' bellissima, complimentoni! ^_^

    RispondiElimina
  7. Meravigliosa è dire poco!!!

    RispondiElimina
  8. Che MERAVIGLIA!!!
    grazie di essere passata da me mi unisco ai tuoi
    A presto

    RispondiElimina
  9. Bellissima! E' un vero capolavoro!! :D

    RispondiElimina
  10. complimenti è uno spettacolo! chissà che buona!!

    RispondiElimina
  11. Nooo! x fortuna questa si è salvata, non potevi non farci vedere questo capolavoro! :)

    RispondiElimina
  12. Ciao Michela,
    mi ha fatto piacere conoscerti passando da me...sai che hai proprio un bel blog! :o) Mi sa che ti ruberò qualche ricettina!!! ;o) Un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
  13. Ciao!Riesco solo oggi a passare da te, che bello il tuo blog, complimenti, davvero molto accogliente e curato, mi piace :D Io adooooro la foresta nera <3<3<3 ma...in che senso "capriole di una torta dentro la sua scatola in volo dal sedile posteriore", OMG a me sarebbe venuto un attacco isterico!A presto, ciao :D

    RispondiElimina
  14. Questo dolce stracioccolatoso deve essere delizioso!
    Bellissimo blog e supergolosissima ricetta!!!!!!
    Mi aggiungo volentieri ai tuoi lettori fissi. :)
    A presto! ^_^

    RispondiElimina
  15. wow...bellissima...e buonissima!

    RispondiElimina
  16. woww che bel capolavoro sarà ottimo complimenti..passa da me grazie!

    RispondiElimina
  17. ciao carissima!! innanzi tutto grazie mille esserti unita al mio blog! ovviamente ricambierò perchè il tuo blog mi affascina molto! poi questa mini tortina!!! *.* è una cosa da rifarsi gli occhi!!! bellissima!!! e chissà che buona!!! povera la torta per i tuoi amici!! che peccato!!! ma alla fine siete riusciti lo stesso a mangiarla anche se si era capottata?!? cioè mica l'avrete buttata?!?!? tra poco sul mio blog preparerò diversi post con oggetti da vendere, se ti piace il vintage e il brocante mi farebbe piacere che venissi a fare un salto!! ;) senza obbligo certo!!
    io passerò di tanto in tanto, perchè son sempre presa dal nuovo lavoro e a stento riesco a stare dietro al blog, però per venirti a visitare, visto le ricette che fai uno spazio lo troverò!!
    a presto
    baci
    sori

    RispondiElimina
  18. non ho parole.. non ti sei limitata a rifare la torta che avevi mangiato ma hai dato un tocco raffinato che quella torta non aveva..bravissima Miki..tvb

    RispondiElimina
  19. la foresta nera è una torta super buona, non l'avevo mai vista con la base di frolla..interessante!! ma la cosa che mi ha colpito è l'involucro della mini pie.. strepitoso ma come l'hai fatto??

    RispondiElimina
  20. Non mi aspettavo tutti questi commenti..grazie a tutti di cuore per essere passati, mi dispiace non potervi rispondere singolarmente, ma purtroppo sono sempre di corsa...ad ostacoli...aggiungerei..perchè oltre a cucinare per passione cucino anche per lavoro e diciamo che la seconda opzione è terribilmente + pesante!!!grazie ancora

    RispondiElimina

Qui puoi chiedermi tutto quello che necessita di una risposta veloce, o semplicemente lasciarmi un commento per dirmi cosa ti è piaciuto e cosa ti è piaciuto meno!!!:-)